MOBY RUSSA, SEQUESTRATA PRINCIPESSA ANASTASIA, IL BLITZ DELLE AUTORITA' POLACCHE

Il registro internazionale delle navi sottoposte a sequestro da stasera annovera una nave tutta italiana: si chiama Princess Anastasia, di proprietà della SPL, la sommatoria della Moby di Onorato e la compagnia St. Peter Line.

E' la nave che la notte tra il 6 e il 7 novembre, poco dopo aver lasciato Stoccolma, è andata in black out elettrico, per poi bloccarsi in mezzo al mare, totalmente al buio, finendo poi per arenarsi sulla spiaggia vicino ad un centro abitato.

L'agenzia svedese dei trasporti aveva ritenuto gravissimo l'incidente e secondo le prime indagini sostiene che poteva finire in un disastro.

Questo pomeriggio la comunicazione ufficiale: il traghetto da crociere di Onorato è stato fermato in Polonia, nel porto di Gdynia.

Una notizia inattesa visto che qualche giorno fa la compagnia di onorato aveva diramato la comunicazione con la quale si fermavano le crociere programmate e da programmare per ragioni tecniche legate alla manutenzione della nave in Polonia.

Probabilmente la notizia nascondeva già qualcosa perchè questo pomeriggio dopo le 16.00 il registro internazionale segnava la nave sotto sequestro.

L'unica nave italiana delle 46 iscritte nella lista nera sequestrata probabilmente dopo l'incidente in Svezia delle scorse settimane.

Ma le bugie russe non finiscono perchè poco fa, senza far cenno al blocco della nave da parte delle autorità polacche, la compagnia ha dichiarato che:

MOBY SPL COMUNICA LA CANCELLAZIONE DELLE CROCIERE DEL 1 DICEMBRE.

A causa della necessità di ulteriori ispezioni e lavori tecnici, la partenza del traghetto Princess Anastasia dal molo è ritardata.
Inoltre, le partenze dei traghetti da San Pietroburgo il 28 e 30 novembre e da Helsinki il 29 novembre e il 1 ° dicembre sono state cancellate. La compagnia si scusa per l'inconveniente temporaneo. Di seguito viene presentato l'algoritmo delle azioni per eseguire trasferimenti di crociere o cancellare prenotazioni con un successivo rimborso. Inoltre, a scopo preventivo, MOBY SPL chiude le vendite di crociere con partenze fino al 5 dicembre 2019 incluso.

Nessuna menzione rispetto a questa decisione delle autorità polacche che probabilmente hanno agito su mandato congiunto dopo i fatti svedesi che risultarono molto gravi perchè a bordo della nave c'erano oltre 1000 passeggeri.

Una compagnia che tenta maldestramente di nascondere la realtà dei fatti dopo un incidente così rilevante che secondo le autorità svedesi non si è trasformato in una seconda tragedia come la Costa Concordia solo per un caso fortuito.

La sera di Mercoledì 6 novembre, alle 18:06, l' allarme è arrivato da un privato. Elemento ancora più inquietante di tutta la vicenda!

La segnalazione parlava di un traghetto fuori rotta e che stava puntando verso una zona residenziale di Lidingö.

Le circostanze, scrivono i media svedesi, hanno reso l'evento drammatico quando la nave si è spostata verso le proprietà di Lidingö.

Tomas Åström, responsabile della risposta alle crisi e alle emergenze presso l'agenzia svedese dei trasporti, esamina seriamente l'incidente:

Il fatto che ci sia un "blackout" non è comune su questi grandi traghetti, sulle navi moderne è quasi impossibile che si verifichi.

Questa nave ha più di 30 anni, disse il responsabile delle emergenze.

"Cosa sarebbe potuto succedere? ... dai un'occhiata alla Costa Concordia. Può girare semplicemente. Si ritiene che queste navi siano inaffondabili, ma non lo è. E non da ultimo, avrebbe potuto finire in un disastro ambientale se la nave avesse iniziato a perdere carburante.

Il sospetto dell'Agenzia dei trasporti svedese è dichiarato miscelazione di carburanti con gasolio russo;

Il rapporto dell'agenzia di trasporti svedese indica che il colpevole del dramma è il gasolio di San Pietroburgo, che ora è stato inviato al laboratorio per l'analisi.

Quando il carburante di San Pietroburgo viene mescolato con il carburante di Stoccolma, si forma una sorta di gelatina che causa l'arresto della nave. Sì, è quello che sospettiamo, dice.
Nonostante la responsabilità della compagnia di navigazione "MOBYSpl" e dello stato di bandiera,Italia, Tomas Åström annuncia che l'autorità seguirà da vicino la questione in futuro.

Lo terremo d'occhio, sappiamo cosa è successo e possiamo salire a bordo quando vogliamo. Se otteniamo la minima indicazione che è qualcosa di strano, lo faremo - disse il responsabile delle emergenze.

La polizia aveva confermato che stavano indagando sul caso come una violazione della legge marittima e hanno nominato un investigatore preliminare.

Da stasera la nave codice 8414582 SPL PRINCESS ANASTASIA di Onorato è ferma nel porto polacco di Gdynia a due passi da Danzica, nella baia che la racchiude.

Sotto sequestro delle autorità polacche!